News - Petzl Patagonia: la vita quotidiana di uno scalatore - Petzl Other
Cerca
Community News Patagonia: la vita quotidiana di uno scalatore

Patagonia: la vita quotidiana di uno scalatore

El Chaltén, piccolo villaggio nel cuore della Patagonia argentina, è il punto di partenza di innumerevoli sentieri che salgono verso le montagne. È situato ai piedi del Fitz Roy, e l'arrampicata e l'alpinismo sono l'epicentro dell'attenzione dei viaggiatori che vi arrivano dai quattro angoli del mondo. Per Sean Villanueva, il mese programmato in quel luogo è diventato un intero anno, per lui colmo di successi, ma anche di incontri e condivisione. Tra due dei suoi exploit, Sean Villanueva ci racconta la sua vita ai margini dell'emisfero sud del globo.

22 Giugno 2021

Arrampicata vie lunghe

La vita quotidiana El Chaltén

“Sono qui, a El Chaltén, ormai da più di un anno. Non avrei mai pensato di rimanere qui così a lungo. Alla fine, ho avuto il tempo di stabilirmi qui. La Patagonia è in me, mi sento parte dello scenario. Ho visto le quattro stagioni. Nella mia vita ho sempre viaggiato molto, ma raramente sono stato nello stesso posto per così tanto tempo. Questo mi ha consentito di vivere una routine a cui non ero abituato”.

E qual è la tua routine?

“Vivo in una roulotte che mi ha prestato un amico. In cambio, lavoro un po' sul suo terreno. Abbiamo allestito un orto, abbiamo costruito una serra, coltivo ortaggi. È fantastico, non l'avevo mai fatto! Imparo ogni giorno.

Nella roulotte, in inverno, è stata un po' dura. La temperatura è scesa fino a -20°C. Però, rispetto a un portaledge, la roulotte è molto comoda! Quindi tutto è relativo. Mi piace il lato ruvido della vicenda. Mi alzo presto la mattina, anche se fa freddo, vado al fiume per immergermi nell'acqua gelida... tutti i giorni, anche d'inverno! Non mi fermo molto, a volte 1 minuto, a volte 10 minuti. Mi piace la sensazione che mi dà l'acqua fredda: mi sveglia, mi attiva, e così comincio bene la giornata! Esco dall'acqua pieno di energia.
 Poi corro un po' per riscaldarmi, faccio degli stiramenti, un po' di yoga. Faccio anche un po' di sospensioni sulla trave, per rinforzare le dita. Pranzo, suono un po' di musica: ho la mia cornamusa irlandese! Ma ovviamente ho anche il mio flauto. Nel pomeriggio faccio boulder o pratico l'arrampicata sportiva”.

E in inverno cosa fai?

"Pratico lo scialpinismo. Qui si può andare in montagna per giorni interi! A volte fino a 5, in autonomia. Allestiamo il nostro campo base e facciamo i nostri tour in sci tutt'intorno. Scaliamo anche le cascate ghiacciate. Quest'anno abbiamo avuto delle ottime condizioni!

Le notti in inverno sono lunghe e le giornate brevissime, il sole rimane molto basso. Quindi ho trascorso molto tempo nella mia roulotte, ho suonato musica, ho letto, ho avuto tempo per riflettere, pensare, sognare. È così che mi è venuta l'idea della traversata del Fitz Roy in senso inverso!"

Dall'apertura di una via all'altra

La Chaltenense (500 m, 7a)

“Dopo la traversata del Fitz Roy, mi sono preso qualche settimana di pausa, anche se non ero troppo distrutto. Abbastanza in fretta, dopo 2-3 settimane c'è stata un'altra finestra di tempo. Ne ho approfittato per aprire una nuova via, La Chaltenense (500m, 7a), sulla parete sud del Fitz Roy. Una parete liscia e super evidente: sono rimasto sorpreso che non vi fosse ancora stata aperta una via, ma si tratta di una parete sud, che non è spesso in buone condizioni. Percorre una fessura larga che richiede 50 metri di tecnica off-width: incastro di entrambi i pugni, del ginocchio, del gomito, tecniche che a pochi piacciono… È stato bello aprire una linea così bella su una cima così mitica con John Griffin".

 

Chaltén sin clecas (450 m, 7b)

A dicembre abbiamo aperto anche Chaltén sin clecas (450 m, 7b). Le “clecas” o “segni di spunta” sono i segni di magnesia che alcuni lasciano sulla roccia per indicare le prese. A proposito, ridendo, ho detto che avrei lanciato una petizione “Chaltén sin clecas” per raccogliere firme contro quei segni! Anche se poi la pioggia le cancella, trovo che quelle tracce siano un peccato. Così ho deciso di dare quel nome alla via! È stata la prima linea della stagione che sono riuscito ad aprire.

 

Chalten Sin Chapas (450 metros, 7a+)

"Recentemente, su El Mocho, ho aperto un'altra linea, Chalten Sin Chapas (450 metri, 7a+). L'avevo già tentata a fine dicembre, ma non ero riuscito a passare, e così ho tracciato "Chaltén sin clecas". Poi sono tornato su quella prima via che non ero riuscito a fare, e abbiamo trovato il percorso giusto! Ho trovato una piccola finestra di bel tempo ed è stato magico. Questa è una linea molto improbabile. C'è un tratto con una placca tutta rossa e una fessura che la taglia. Poi, sorprendentemente, la fessura si chiude. Sembra che non ci sia più niente per poter continuare. Alla fine, l'ho ritentata e in effetti ho trovato dei posti in cui piazzare delle protezioni ogni 3 metri."

Una comunità premurosa

“Stare qui per un anno mi ha fatto sentire come se appartenessi a questo posto. È diverso vivere davvero qui o venirci per un mese o due solo per scalare. Ora mi sento una persona del luogo. Non sono qui solo per arrampicare, perché posso andarci quando voglio! In generale, cerco di non mettermi mai pressione, ma qui lo faccio ancora di meno".

Confinato?

Mi sento come se fossi stato rinchiuso dentro El Chaltén, ma è come se fossi stato rinchiuso in un grande parco giochi. Il villaggio è stato chiuso per 9 mesi, cosa che lo ha preservato completamente dalla pandemia. Poi, a gennaio, l'accesso al turismo nazionale è stato di nuovo autorizzato. E così il virus è arrivato anche qui. Adesso dobbiamo stare più attenti, però qui tutto è rimasto aperto.

Un mese contro un anno?

La comunità degli scalatori è fantastica: c'è buona energia, buona atmosfera, buon spirito di condivisione. I boulder e l'arrampicata sportiva sono davvero di ottima qualità. Quest'anno, poi, è speciale perché non ci sono stranieri e tutto è super tranquillo. Gli arrampicatori qui sono per lo più argentini. Sono stati fantastici ad accettarmi nella loro comunità. Avevo programmato di rimanere solo due mesi, quindi non disponevo di tutto ciò di cui avrei avuto bisogno per un anno, e loro mi hanno aiutato molto (con materiale, vestiti).

"Mi piacerebbe davvero restare qui! C'è tutto: appena oltre l'uscio, ti aspettano un sacco di avventure completamente diverse, anche se il meteo è inclemente. Ma a un certo punto, dovrò pur tornare a casa... Ho in mente anche altri progetti!"

News associate