Confronto cadute con massa rigida/umana - Petzl Italia
Cerca

Confronto cadute con massa rigida/umana

Le prove presentate sopra sono state eseguite per valutare le cadute con persone reali. Per confronto, abbiamo rifatto le stesse serie di cadute basandoci sul modello normativo: masse rigide e GRIGRI 2 fissati all'ancoraggio.

Avviso Titolo

  • Leggi attentamente la scheda tecnica prima di guardare le seguenti tecniche
  • Per capire queste informazioni supplementari, è necessario aver letto il manuale tecnico
  • Padroneggiare queste tecniche richiede una formazione specifica.
  • Prima di riprodurle in autonomia, verificate con un professionista la vostra capacità di eseguire queste tecniche in modo sicuro.

 

Test con massa rigida

Fattore 0,3

Fattore 0,7

 
Sollecitazione sull'ancoraggio
Sollecitazione sull'arrampicatore
 

Queste prove mostrano differenze molto significative tra i due protocolli: la sollecitazione sull'arrampicatore aumenta fino al 70 % con una massa rigida.

Queste differenze si spiegano con i vari elementi, diversi dalla corda, che contribuiscono a dissipare l'energia della caduta: assorbimento nei due corpi, spostamento dell'assicuratore, scorrimento della corda nel dispositivo…

Conclusione

L'insieme di queste prove consente di valutare le cadute con persone reali.

Tali misure comportano necessariamente un'incertezza elevata, ma consentono di fornire importanti informazioni:

  • Le sollecitazioni in gioco al momento di una caduta reale sono molto lontane dalle sollecitazioni comunicate dai test delle norme.
  • In pratica, elementi diversi dalla corda contribuiscono a dissipare l'energia in gioco al momento di una caduta.
  • La comprensione della caduta deve tener conto di tutti questi elementi e non concentrarsi soltanto sulla corda.
  • È difficile controllare tutti i fattori che dissipano l'energia della caduta. Al contrario, è facile influenzare la possibilità di movimento dell'assicuratore. Lo spostamento dell'assicuratore consente infatti di dissipare una parte importante dell'energia e quindi di limitare le sollecitazioni in gioco. Al suolo, è fondamentale lasciarsi trasportare per rendere dinamico l'arresto della caduta. Ad una sosta, è bene autoassicurarssi con il capo lungo, quando l'ambiente lo permette, per consentire lo spostamento.