Video - Petzl : Petzl RocTrip China 2011 - The official movie | Petzl Other
Cerca

Petzl RocTrip China 2011 - The official movie

15 Novembre 2011

Arrampicata

Last fall, from October 26-30, 2011, more than 600 climbers gathered with our team for Petzl RocTrip China. All participants discovered and enjoyed more than 250 brand new pitches on unbelievable limestone especially prepared for the event.

Among the highlights of the film, watch Dani Andrada’s first ascent of the extremely difficult 7-pitch Corazon de Ensueno (8c/5.14b), a route he put up in 2010 over the course of two trips to the area to prepare for the RocTrip. For this outstanding feat, Dani was awarded Climbing Magazine’s prestigious Golden Piton.
Other sequences include Steph Bodet and Arnaud Petit sending their project, Lost in Translation (8a+/5.13c), Gabriele Moroni’s first ascent of Coup de Bambou (9a/5.14d), as well as other images of spectacular climbs up and down the valley.

Presente nel video

Steve McClure Preferisco le falesie della mia zona: "Sono specializzato soprattutto nell'arrampicata sportiva e forse di più nelle vie tecniche e brevi che sulle vie lunghe. Preferisco le vie di casa, quella tipologia di arrampicata. Ho adottato naturalmente questo stile di vita, in quanto da bambino ero sempre in giro con i miei genitori arrampicatori. Non ho mai veramente scelto questa vita. Semplicemente sapevo che era la mia. Stare fuori nella natura e arrampicare fa semplicemente parte di questa vita. All'inizio, ho arrampicato su terreno d'avventura. Ho progredito velocemente e ho avuto difficoltà a trovare vie in stile tradizionale. Da allora, l'arrampicata sportiva mi permette di sperimentare il lato fisico, pur mantenendo i vantaggi di stare fuori con gli amici. Il mio lavoro è l'arrampicata. Lavoro in questo ambiente dalle mie parti. Ho un legame speciale con l'arrampicata del mio paese. Credo che si debba amare il posto in cui si abita." Arnaud Petit Dare senso alla mia passione "Amo le cose ben fatte, anche se questo richiede tempo. I progetti più importanti, in generale, mi vengono all'improvviso, spontaneamente, senza pianificazione, attraverso incontri casuali e la mia attività del momento. A partire da quell'istante, essi danno un senso alla mia vita e diventano la cosa più importante da fare, come se questo progetto fosse sempre esistito. Voglio scoprire nuovi luoghi, nuove persone, condividere quello che ho capito e imparato dall'attività. Mi piace incontrare altri arrampicatori, confrontarmi con loro. Mi piace che ci sia atmosfera, dinamismo, emulazione, anche se non siamo sulle stesse vie."

Video associati