eBook-Cosa c'è nello zaino di Sasha DiGiulian? - Petzl Other - Sport
Cerca

Cosa c'è nello zaino di Sasha DiGiulian?

Scegli la lingua
Campo obbligatorio

Attività praticata/e *

È richiesta almeno un'attività

Informazioni

Campo obbligatorio: Nome
Campo obbligatorio: Cognome
Campo obbligatorio: Email
Scegli il Paese
Campo obbligatorio: Paese
Campo obbligatorio

Grazie!

Ti abbiamo inviato un link via e-mail.

Indietro a univerHome
Cosa c'è nello zaino di Sasha DiGiulian?

@2021 - Petzl Distribution - SamBIE

  • Zaino Adidas TERREX 70L

  • Imbragatura Petzl SITTA, l'imbragatura più comoda e più leggera per l'arrampicata in falesia.

  • Lampada frontale Petzl BINDI e Petzl IKO (che si adatta perfettamente al mio casco); sono entrambe super leggere e dispongono di una batteria ricaricabile con un'ottima autonomia. Penso che sia una buona idea portare sempre con me una lampada frontale, anche se prevedo di finire sempre di arrampicare prima che faccia buio.

  • Petzl CONTACT 9,8 mm: è la mia corda preferita per l'arrampicata. Ha una guaina flessibile e resistente, affidabile nelle grandi cadute, ma è leggera e maneggevole; mi piace il suo diametro più grande per una sua durata più lunga!

  • Petzl TARP: in genere ripongo la corda nel mio zaino per ottimizzare lo spazio a disposizione, quindi piegare questo telo con la corda dentro è un modo pratico per mettere quante più cose possibile nel mio zaino, senza compromettere l'integrità e la pulizia della mia corda.

@2021 - Petzl Distribution - SamBIE

  • Barrette SEND e frutta; Mi faccio le barrette da oltre dieci anni, perché sono rimasta spesso delusa da ciò che era presente sul mercato. Quello che cerco in in una barretta è qualcosa che abbia un buon sapore, con una buona porzione di verdure (dato che è abbastanza difficile mangiarle quando sei fuori tutto il giorno), e che sia  al 100% di origine vegetale, senza zucchero aggiunto. Così, ho iniziato a preparare da sola le  mie barrette (che non sono ancora in vendita... ma restate sintonizzati!). Mi piace mangiare le barrette con la frutta secca o una mela.

  • Una lattina di Red Bull per svegliarmi nel pomeriggio, verso le 16, per gli ultimi tiri di corda, e una borraccia termica YETI 18 oz rosa, con un'incisione di Conrad Anker. Quando trascorro un'intera giornata in falesia o su una via di più tiri, la mia arma segreta per la tenuta sulla distanza è una lattina di Red Bull. E poi, la borraccia Yeti che mi ha regalato Conrad mi permette di idratarmi con dell'acqua fresca o, se fa freddo, con del tè.

@2021 - Petzl Distribution - SamBIE

  • Casco Petzl METEOR: Red Bull ha adornato il mio casco METEOR con il tracciato di una via che ho fatto di recente su El Gigante, "Logical Progression", che per me rappresenta la perseveranza nei momenti difficili (dopo 5 interventi chirurgici), credendo nel mio potenziale e spingendo i miei limiti. Per ogni via importante che ho fatto, ho un casco con un disegno che me la ricorda e che mi motiva in vista del prossimo obiettivo. Porto sempre un casco nello zaino: credo sia importante per la sicurezza in arrampicata. Per sottolinearne l'importanza, ho persino aggiunto un casco all'emoji del climber che ho disegnato.

  • Petzl GRIGRI: Il GRIGRI è l'assicuratore che preferisco quando arrampico. Lo uso da quando avevo 7 anni, quando ho imparato ad assicurare; è il dispositivo più sicuro sul mercato.

  • I guanti da assicurazione CORDEX proteggono la pelle per l'arrampicata ed eliminano ogni rischio di ustione causato dall'uso della corda.

  • Rinvii Petzl ANGE: questi sono i miei rinvii leggeri preferiti; sono ottimi per l'arrampicata sportiva, le vie multipitch e le scalate in montagna. Non pesano quasi nulla, ma sono molto facili da usare e moschettonare!

  • Le Niads e le Hiangles di Five Ten, attualmente le mie due scarpette preferite presenti sul mercato; le Niad vanno bene  sulle vie tecniche e le fessure. Hanno bordi rigidi e precisi, e sono adatte a piedi stretti come i miei. Mi piace portare con me anche le HiAngles, per le salite più strapiombanti che richiedono agganci di tallone e di punta che permettono un preciso grattonage.

Zaino di Sasha DiGiulian

  • Magnesite Petzl CRUNCH e magnesite liquida OnCrux, che insieme formano un duo fantastico. Mi piace disporre uno strato base di OnCrux, che utilizza ingredienti tutti naturali, e poi mettere della Petzl CRUNCH nel mio sacchetto della magnesite per arrampicare.

  • Dei friend Totem: da qualche tempo pratico di più la scalata tradizionale e i Totem costitituiscono l'attrezzatura più pratica. Possono essere caricati su due sole camme e mi piace molto la loro espandibilità.

  • Un taglia unghie, una lima (la uso spesso per la mia pelle), un RHINO Skin Kit per la pelle, Super Glue e nastro adesivo Leuko, kit di pronto soccorso + balsamo per le labbra: tengo tutto questo in una piccola custodia e aggiungo o cambio le cose a seconda del viaggio. Mi piacciono molto i prodotti della Rhino Skin e trovo che la mia pelle può durare più a lungo quando uso il suo balsamo per le mani.

  • 8B+ SASHA + Petzl SAKAPOCHE: metto la magnesite supplementare nel sacchetto 8B+ SASHA, che è l'adattamento di una borsa che ho progettato per sensibilizzare e raccogliere fondi per Right to Play International. Il sacchetto per la magnesite che uso di più è il SAKAPOCHE, che dispone di un'apertura di buone dimensioni per accedere quando le mie mani sono acciaiate e cerco disperatamente il gesso per il movimento successivo. Inoltre è molto leggero, al punto che quasi mi dimentico di averlo.

  • Fasce elastiche per scaldare spalle, fianchi e glutei: mi piace il set di Theraband. Faccio una serie di esercizi prima di iniziare ad arrampicare, per assicurarmi che le mie articolazioni e i miei muscoli siano caldi prima di lanciarmi nella scalata.

  • Una ciotola per cani pieghevole (Wilderdog) + un osso per Moose... se porto il mio cane in falesia, voglio assicurarmi che possa bere ed essere felice!

  • Coltello Petzl SPATHA: penso che sia una buona idea avere un coltello a portata di mano in caso di emergenza o semplicemente per tagliare del nastro, ridefinire il capo di una corda, ecc.

  • Scaldamani: soffro della sindrome di Raynaud alle dita delle mani e dei piedi, il che significa che perdo la circolazione molto facilmente fino al punto di intorpidirmele totalmente. Per evitare ciò, cerco di essere proattiva e di mantenere la temperatura interna e le estremità calde.

  • Borraccia YETI con l'incisione di Conrad Anker - per mantenere l'acqua fresca e il tè caldo!

  • Il mio Buddha, un piccolo portafortuna. "Se c'è qualcosa che val la pena di fare, fallo con tutto il tuo cuore." Buddha