eBook-Vento di follia all’Eiger per gli atleti Petzl! - Petzl Other - Sport
Cerca

Vento di follia all’Eiger per gli atleti Petzl!

Scegli la lingua
Campo obbligatorio

Attività praticata/e *

È richiesta almeno un'attività

Informazioni

Campo obbligatorio: Nome
Campo obbligatorio: Cognome
Campo obbligatorio: Email
Scegli il Paese
Campo obbligatorio: Paese
Campo obbligatorio

Grazie!

Ti abbiamo inviato un link via e-mail.

Indietro a univerHome
Vento di follia all’Eiger per gli atleti Petzl!

 

Primo tentativo, un colpo da maestro

La cordata franco-svizzera composta dai giovani Symon Welfringer e Nils Favre ha affrontato un pezzo di antologia con la via Paciencia, una solida linea di 900 metri la cui gradazione massima, “solo” 8a, non rispecchia davvero la grandissima difficoltà del tracciato di salita. Gli scalatori che l’avevano tracciata (Ueli Steck e Stephan Siegrist) erano molto forti e talentuosi su questo tipo di parete, e tutti i ripetitori (pochi), da quanto si è sentito, hanno trovato la classificazione delle difficoltà molto severa. I due giovani scalatori hanno dovuto usare tutto il loro talento e tutta la loro esperienza sul terreno alpino, per riuscire a liberare ciascuna delle 24 lunghezze della via.

Sempre di più, e più velocemente ...

Per capitalizzare il viaggio effettuato per la loro trilogia alpina in modalità “Zero CO2”, Nicolas Favresse e Sebastien Berthe si sono offerti una straordinaria salita “express”. Attaccando la via alle 4 del mattino, quando era ancora molto buio, e scalando per 18 ore di seguito, i due belgi sono riusciti a completare le 33 lunghezze di Odyssey, le cui difficoltà toccano l’8a +, con protezioni in posto che potrebbero essere qualificate per lo meno come impegnative. Nicolas Favresse si è persino offerto il lusso di passare “a vista” o “flash” tutte le lunghezze di corda!

 

 

Salita in libera dopo l’apertura

Dopo aver terminato la via con Sean Villanueva, Roger Schaeli e Nina Caprez hanno finalmente trovato il tempo e le condizioni giuste per passare in libera su Merci la vie. Roger aveva in mente questa linea da quasi dieci anni e questo successo, che si aggiunge al suo palmarès, è probabilmente il più impressionante sulla parete nord dell’Eiger. In poche parole, Roger Schaeli deve probabilmente conoscere la storia completa di ciascuna delle vie, avendole percorse tutte (si tratta di oltre 50 salite diverse!) e avendone aperte alcune delle più leggendarie. Merci la vie non fa eccezione alla regola locale: è dura (8a max, gradi stretti), è lunga (900 metri), è impegnativa... ed è importante.

Congratulazioni a tutti questi alpinisti per le loro eccezionali performance.