Evacuazione verso il basso: kit di soccorso - Petzl Italia
Cerca

Evacuazione verso il basso: kit di soccorso

Avviso Titolo

  • Leggere attentamente le istruzioni tecniche dei prodotti utilizzati in questo consiglio prima di consultarlo. Dovete aver compreso le informazioni dell’istruzione tecnica per poter capire queste ulteriori informazioni.
  • La padronanza di queste tecniche richiede una formazione ed un addestramento specifico. Verificate con un professionista la vostra capacità di rifare la manovra, da soli, in piena sicurezza, prima di riprodurla autonomamente.
  • Forniamo esempi di tecniche relative alla vostra attività. Ne possono esistere altre che non vengono qui descritte.

Kit di soccorso leggero che consente la trazione dell'infortunato, per sganciarlo dal supporto e trasferirne il peso su una corda secondaria per la calata. 

Attenzione, durante un soccorso in discesa accompagnata, è autorizzato soltanto l’ABSORBICA L57 come assorbitore di energia per l’ASAP. 

Per maggiori dettagli, fare riferimento alle informazioni tecniche dedicate all’ASAP sul sito www.petzl.com

Con questo sistema, il rapporto di peso - tra soccorritore e infortunato- non è un elemento bloccante.

Rendimento teorico del kit di recupero: 3:1.

1. Kit di recupero pronto per essere installato sull'infortunato

Kit di recupero pronto per essere installato sull'infortunato

Attenzione, questa tecnica è particolarmente adatta quando il supporto dell'infortunato è statico:

caduta su un cordino con assorbitore di energia per esempio.

Se il supporto dell'infortunato non è statico, per esempio una corda EN 1891, il peso dell'infortunato provoca un allungamento del supporto.

Durante la trazione con il kit di soccorso, occorre annullare l'elasticità della corda prima di poter sganciare l'infortunato. 

Il kit di soccorso dovrà quindi essere dotato di una corda di lunghezza sufficiente per adattarsi alla situazione.

Esempi per un'infortunato in sospensione su una corda semistatica il cui allungamento sotto carico è del 4 %:

- Se l'infortunato si trova a 15 m dall'ancoraggio, l’allungamento è di 0,6 m. La corda del kit di soccorso dovrà misurare almeno 4 m (3 x 60 cm per l'allungamento + 3 x 50 cm per lo sgancio + margine per i nodi).

- Se l'infortunato si trova a 50 m dall'ancoraggio, l’allungamento è di 2 m. La corda del kit di soccorso dovrà misurare almeno 9 m. In questo caso, il soccorritore dovrà calarsi fino all'infortunato per collegarlo al kit, quindi risalire 3 m sopra per cominciare il sollevamento/sgancio.

2. Sollevamento/sgancio dell'infortunato

Non appena possibile, il soccorritore deve assicurarsi all'infortunato. Lo sgancio e la calata devono essere effettuati con due punti di collegamento tra l'infortunato e il soccorritore (kit + cordino)

Sollevamento/sgancio dell'infortunato

 

3. Infortunato caricato sul discensore del soccorritore, pronto per la calata

Per una discesa accompagnata, è obbligatorio l'utilizzo di un moschettone di frenaggio.

Questo moschettone deve essere collegato nel moschettone del discensore.

Fare riferimento alle informazioni tecniche dedicate a RIG e I’D sul sito www.petzl.com

Infortunato caricato sul discensore del soccorritore, pronto per la calata