Autoassicurazione di carichi con I’D S, I’D L, I’D EVAC - Petzl Schweiz
Cerca

Autoassicurazione di carichi con I’D S, I’D L, I’D EVAC

La corda di autoassicurazione deve trattenere la caduta del carico in caso di guasto del sistema principale.

Avviso Titolo

  • Leggi attentamente la scheda tecnica prima di guardare le seguenti tecniche
  • Per capire queste informazioni supplementari, è necessario aver letto il manuale tecnico
  • Padroneggiare queste tecniche richiede una formazione specifica.
  • Prima di riprodurle in autonomia, verificate con un professionista la vostra capacità di eseguire queste tecniche in modo sicuro.

Utilizzando il dispositivo per dare corda, l’operatore non deve rischiare d’impedire al dispositivo di poter bloccare la corda se necessario. Per esempio, occorre evitare di tenere la maniglia completamente in mano come per una calata, poiché in caso di rottura della corda principale, il riflesso più probabile sarebbe quello di aggrapparsi alla maniglia, ritardando il bloccaggio della corda di autoassicurazione.

L’energia sviluppata in una caduta aumenta considerevolmente quando il carico aumenta. Oltre 100 kg e fino a 250 kg, l’utilizzatore deve essere esperto e addestrato.

Precauzioni:

- L’utilizzatore deve sempre tenere la corda lato frenante.

- La corda di autoassicurazione deve essere sempre tesa per limitare al massimo l’urto in caso di rottura della corda di lavoro.

- Più la massa aumenta più l’operatore deve essere prudente, oltre i 100 kg ogni caduta rappresenta un’energia notevole che non si deve prendere alla leggera.

- Attenzione al tirante d’aria, in caso di rottura della corda di lavoro, il carico sarà arrestato dopo allungamento della corda di autoassicurazione. Attenzione, più grande è la massa, maggiore sarà il tirante d’aria.

Autoassicurazione di carichi con I’D S, I’D L, I’D EVAC
Autoassicurazione di carichi con I’D S, I’D L, I’D EVAC, tabelle di raccomandazioni
Autoassicurazione di carichi con I’D S, I’D L, I’D EVAC, tabelle di raccomandazioni

Tecnica di autoassicurazione in salita

L’utilizzatore deve sempre tenere in mano la corda di frenaggio.

Tecnica di autoassicurazione in salita con I’D S, I’D L, I’D EVAC - 1/5
Tecnica di autoassicurazione in salita con I’D S, I’D L, I’D EVAC - 2/5
Tecnica di autoassicurazione in salita con I’D S, I’D L, I’D EVAC - 3/5
Tecnica di autoassicurazione in salita con I’D S, I’D L, I’D EVAC - 4/5
Tecnica di autoassicurazione in salita con I’D S, I’D L, I’D EVAC - 5/5

Tecnica di autoassicurazione in calata

L’utilizzatore deve sempre tenere in mano la corda di frenaggio.

La camma dei discensori autofrenanti I’D S, L e EVAC a partire dal 2019 è dotata di una zona di appoggio, che consente di disattivare momentaneamente il bloccaggio quando la corda non è sotto carico.

Tecnica di autoassicurazione in calata con I’D S, I’D L, I’D EVAC.
Tecnica di autoassicurazione in calata con I’D S, I’D L, I’D EVAC.

Su I’D S e L prima del 2019, spostare il dispositivo può favorire lo scorrimento della corda.

Tecnica di autoassicurazione in calata, particolarità con I’D S, I’D L prima del 2019 - 1/3
Tecnica di autoassicurazione in calata, particolarità con I’D S, I’D L prima del 2019 - 1/3
Tecnica di autoassicurazione in calata, particolarità con I’D S, I’D L prima del 2019 - 2/3
Tecnica di autoassicurazione in calata, particolarità con I’D S, I’D L prima del 2019 - 3/3