Nel 2012, il fotografo Stéphan Denys segue le installazioni di suoni e luci sulla Torre Eiffel, tra cui “La Maîtresse d’école”. Un cantiere notturno realizzato dalla società Magnum, che immerge la Torre Eiffel in un’atmosfera insolita.
Scopri la fotogallery di 100 foto inedite…

 

© Denys Stephan 

 

Fuochi d'artificio disco!

Il tema dei fuochi d'artificio è lanciato! La disco sarà agli onori di cronaca per far danzare gli spettatori il 14 luglio. La creazione artistica dello spettacolo pirotecnico è stata progettata da Jean-Eric Ougier, maestro artificiere della società “Feste e Fuochi”: "Creeremo dei fuochi d'artificio direttamente collegati alla musica disco, ci saranno una densità elevata di fuochi e un ritmo sostenuto" spiega Ougier. Che aggiunge: "La disco è la musica della liberazione del corpo, della gioia. Vogliamo che faccia ballare!". Le installazioni di audio e luci sulla Torre Eiffel sono realizzate dalla società Magnum.

 

Un progetto importante

La società Magnum è specializzata nel realizzare cantieri per eventi di grandi dimensioni. Tuttavia questo cantiere, dicono alla Magnum, è "una sfida per le nostre squadre, mobilitate sulla rete a “fibra ottica” Ethersound per i suoni, e Artnet per le luci. 20 periferiche “Ethersound” sono state sparse per i Champs de Mars, sulla Torre Eiffel e al Trocadero… E poi bisogna mettere nel conto più di 2 chilometri di cavi, e quasi 150 ore di preparazione per poter disporre di una rete efficiente…".

Il punto d’orgoglio delle installazioni è una palla da discoteca sospesa tra il primo e il secondo piano della Torre Eiffel. Una gigantesca palla a specchio di oltre 4 tonnellate per 7,5 metri di diametro, con circa 1000 specchi che scintillano con la rotazione, riflettendo le luci di potenti proiettori.

 

"La Maîtresse della Torre Eiffel"

La palla, interamente costruita da Magnum, è un'opera dell'artista Michel de Broin ed è stata battezzata “La Maîtresse della Torre Eiffel”. È stata creata in occasione delle “Notti bianche” tenutesi nel 2009 ai Jardins du Luxembourg. Fabbricazione Magnum, abbiamo detto. La realizzazione dell’ossatura interiore, i pannelli sferici, gli specchi, la motorizzazione hanno richiesto più di 1000 ore di lavoro all’azienda, che ha inoltre dovuto progettare il sistema di trasporto di “La Maîtresse della Torre Eiffel” con l’impiego di due semirimorchi.

 

Petzl accompagna i lavoratori notturni

Sovente questo tipo di installazioni vengono fatte di notte. Le squadre della società Magnum hanno potuto provare la nuova lampada frontale ad alta potenza ULTRA VARIO. Un gruppo di tecnici era anche equipaggiato di lampade PIXA. Nell’occasione, il fotografo Stéphan Denys ha seguito i lavori notturni e ha messo a disposizione una fotogallery delle immagini dell’installazione della “La Maîtresse”. "È stato un modo per ringraziare tutti i tecnici, i lavoratori in fune e quelli della notte" ha spiegato, "senza i quali questo genere di eventi unici non sarebbe possibile".

 

 

Scopri la fotogallery con le nuove immagini…