A maggio 2013, i formatori di Petzl Solutions sono stati invitati dal distributore Petzl in Russia per formare i soccorritori delle piste di Sochi, stazione sciistica che si trova ad ovest del massiccio del Caucaso, una regione montuosa e selvaggia che confina con il Mar Nero. Ed è qui che, a febbraio 2014,  si terrà la prossima Olimpiade invernale.

 

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

A 45 chilometri dalla costa, la stazione di Sochi è in piena effervescenza, per la preparazione di un’infrastruttura di accoglienza e per lo sviluppo del comprensorio in vista dei giochi. Molti impianti di risalita, alcuni ancora in cantiere, sono stati aggiunti al comprensorio.

 

Intervista a Konstantin Tyabin, responsabile del soccorso del comprensorio sciistico di Rosa Khutor.

Questo soccorritore paramedico ufficiale del soccorso alpino russo, ricopre questa carica da quattro anni, inizialmente solo, poi ha costituito il suo team, oggi composto da 26 soccorritori che lavorano in due squadre da 12, più una persona all'amministrazione. Ogni squadra ha un responsabile e resta per quattro giorni consecutivi nel comprensorio.
 

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche   Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Sette anni fa, il comprensorio Rosa Khutor non esisteva..  C’era solo un impianto di risalita verso Alpika Servis. Nella stagione 2013, vengono messi in funzione sei impianti di risalita, con una linea di tre ovovie, che collegano il fondovalle alla cima del comprensorio. La frequentazione media varia da 1.000 a 2.000 sciatori al giorno, con delle punte di 6.000 durante le vacanze invernali. Le Olimpiadi del 2014 porteranno all'apertura di otto nuovi impianti di risalita, tra cui una funivia.

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche   Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

In passato ci sono stati interventi di soccorso nel comprensorio?
Nel 2012, un guasto sulla prima sezione di cabine ha portato ad un intervento di evacuazione di 67 passeggeri. L'operazione è andata bene, secondo i protocolli previsti. 

Qual è l’impatto delle Olimpiadi sulla squadra di soccorritori? 

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche  Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche  Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Con le nuove infrastrutture il lavoro di preparazione delle squadre di soccorritori è enorme. La responsabilità è grande e deve essere all'altezza delle esigenze di organizzazione dei giochi olimpici. Ci sono sicuramente un sacco di pressioni, ma è anche un'occasione unica per me e per tutta la squadra. Questo è il risultato di tutto il mio lavoro di quattro anni per formare la squadra e prepararla per questo grande momento.


Qual è il vantaggio di essere addestrati dal team Petzl Solution?

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche  Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche  Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Penso sia stata una buona idea quella di lavorare direttamente con un produttore e col suo team di tecnici. E 'stato facile per noi lavorare con i distributori e i formatori Petzl russi. La formazione è stata personalizzata per la nostra squadra, con un significativo lavoro di scambio e di costruzione, finalizzato alle nostre soluzioni, quelle che saranno più adatte nel nostro comprensorio. Ci ha permesso di avere una più ampia conoscenza delle tecniche utilizzate in altri paesi, e a comprendere che non siamo i soli ad avere problemi nei piani di evacuazione. Facciamo parte di una grande famiglia! Siamo intenzionati a continuare questa collaborazione in futuro, e perché no, a proporre direttamente qui a Sochi la formazione per tutti gli altri soccorritori russi. L'idea di diventare un giorno un “technical partner” di Petzl, è particolarmente interessante per il concetto di condivisione delle conoscenze a livello mondiale. Una formazione del genere dovrebbe essere svolta con regolarità. In seguito integreremo le nuove tecniche nei nostri piani di evacuazione, li metteremo in pratica nei nostri allenamenti, e investiremo per acquistare le attrezzature necessarie. Sono fiducioso per i Giochi Olimpici, tutta la squadra sarà pronta per l'apertura.

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

 

Programma della formazione "evacuazione impianti di risalita Petzl Solutions"

G1: contatto con Konstantin e registrazione sul sito, determinazione delle aree di formazione.

G2: presentazione dei partecipanti e dei formatori, le diverse macchine per il trasporto su fune.

  • dimostrazione delle tecniche dei soccorritori
  • dimostrazione delle tecniche dei formatori di Petzl Solutions
  • discussioni e scambi di opinioni sulle attrezzature, le tecniche e la strategia

G3: condivisione delle informazioni sulle varie normative di intervento e di soccorso sulle risalite meccaniche.

  • lavoro sulle nuove soluzioni e tecnica in aula, brainstorming sulle tecniche
  • lavoro con i materiali sulla realizzazione pratica delle soluzioni
  • test sul terreno per tutti i partecipanti

G4: piano di scambio con i prodotti che permettono di arrivare ad un'unica soluzione adottata da tutti i soccorritori

  • implementazione della tecnica sul campo
  • pasto insieme in cima al comprensorio e interrogazione sullo stage

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche  Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

 

E’ stata la prima formazione di questo tipo indirizzata agli utenti finali. Questo modulo ha richiesto tre mesi di preparazione, con una fase di messa a punto e una di sperimentazione, per realizzare i supporti per la formazione. Questa formazione sarà illustrata al Petzl Technical Institute e ai Petzl Technical Partner, in previsione di un modulo specifico su un impianto di risalita urbano ad Hong Kong.

 

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Chris Blakeley, docente di Petzl Solutions

La formazione ha portato ad un ricco scambio con un team entusiasta; siamo stati in grado di lavorare bene, ed abbiamo realizzato l’applicazione di una soluzione polivalente adattata al sito e ai suoi vincoli.

Il collegamento con i clienti finali era importante ed è stato facilitato grazie alla collaborazione e al sostegno del nostro distributore locale. La squadra ora ha le chiavi per perfezionare il proprio piano di evacuazione e le proprie tecniche. La Russia è in pieno sviluppo della formazione e il distributore è coinvolto nella creazione di un “Petzl Technical Institue”. Apprezziamo che il dispiegamento della nostra formazione susciti delle vocazioni verso il “Petzl Technical Partner"

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Jean-Charles Bonsignore formatore di Petzl Solutions

E' stato il battesimo del fuoco, la prima formazione Petzl Solutions creata ad hoc e tenuta sul territorio. Un intervento basato sulla formazione di tutti gli aspetti dell’evacuazione da risalita meccanica. Questo offre agli utenti una visione più ampia di evacuazione e la possibilità di adattarla al loro territorio di azione. Lo scopo di Petzl Solutions non è quello di imporre un metodo. Scambia e condivide le tecniche, apporta degli elementi di riflessione e degli strumenti pratici per ottimizzare la sicurezza, l’efficacia e l’utilizzo dei prodotti Petzl. In cambio, arricchisce la nostra conoscenza sull'utilizzo dei prodotti per condividere queste informazioni con gli altri utenti

 

 

Formation évacuation remontées mécaniques © PETZL/Lafouche

Hanno partecipato a questa formazione: Tyabin Konstantin, Vorontsov Vladimir, Seleznev Sergey, Ivasheenko Vasiliy, Yakushenko Alexander, Povarov Eugeniy, Davidov Vladimir, Alekseev Mikhail.

 

Per maggiori informazioni