Domenica 7 ottobre ore 13.25, V.axess a Crolles, Francia. Un grande applauso si ode da ogni angolo dell'edificio: la squadra russa Hyperborea Evpator, proveniente da San Pietroburgo, raggiunge per prima l'obiettivo finale e vince la campana del Petzl RopeTrip.

Sfortunatamente Vertice Vertical, l'altra squadra finalista proveniente dalla Spagna, ha visto uno dei suoi componenti bloccato sulle sue jumar in una posizione difficile: è stato subito assistito dai giudici ma ha vanificando ogni possibilità di vittoria. Poco dopo, alla cerimonia di premiazione, le squadre si congratulavano a vicenda per la sportività riscontrata in quest'evento.

Rope Trip © Lafouche

 
La prima edizione del Petzl RopeTrip è stata un successo, con il coinvolgimento di 12 differenti nazioni. Venendo da molto lontano, fin da Singapore, i partecipanti erano ansiosi di misurarsi con le originali prove proposte ma anche curiosi di conoscersi e discutere tra esperti di culture e background diversi. Durante l'evento assistiamo a una conferenza sui requisiti europei per il lavoro su corda, a una discussione sui nodi di sicurezza con un team ungherese, alla precisione e fluidità di progressione su corda delle due componenti femminili della squadra Russa e all'efficienza delle diverse tecniche di salita...

Il lato competitivo dell'evento, anche se è un forte motore di coinvolgimento, non è la sola finalità dei partecipanti come spiega Arnaud Chauvin, secondo classificato nel 2012 allla French National Rope Access Competition: "Anche se gareggiamo in squadre diverse, condividiamo trucchi su come completare più velocemente un obiettivo. Sì, siamo sfidanti, ma ci sentiamo allo stesso tempo parte della stessa comunità di lavoratori su corda".

 

Per una visione ottimale, seleziona la risoluzione 720p e clicca su Schermo intero.
Se hai problemi di visualizzazione, prova qui
vimeodailymotionyoutube

 

 

Alcuni momenti chiave del weekend

  • Prove esterne su corda: Tania del team Evpator di Mosca perde solamente 50 grammi di acqua dal secchio.
  • Soccorso in silos: Anastasia del team Evpator di San Pietroburgo suona la campana prima che il ventilatore si spenga, completando il soccorso in meno di 5 minuti.
  • Giovani sempre: Serge Lamber, 67 anni, ha completato tutti gli obiettivi insieme alla squadra svizzera Altimum che si è posizionata 17esima su 25 partecipanti.
  • Creatività: una menzione speciale per la squadra spagnola Sector Vertical e per la sua mascot "Pincelin".
  • Abbigliamento: un'altra menzione per la squadra francese Acromagnon che indossava abiti d'epoca.
  • Coraggio: complimenti alla squadra russa che è arrivata a Crolles in auto.
  • Lontano, da molto lontano: il team arrivato da Singapore si è classificato al quattordicesimo posto.
  • Involved: il nostro distributore in Bulgaria Petko Totev ha accompagnato la sua squadra, ma all'ultimo momento un componente non ha potuto partecipare: Petko senza esitazione lo ha sostituito e ha gareggiato.
  • Estremo: complimenti alle squadre russe che la scorsa estate hanno preso parte ad un'esplorazione che è scesa nella terra fino a -2000 metri, nelle grotte di Voronia.
  • Si ripeterà? 99% di probabilità che l'evento sia organizzato nuovamente l'anno prossimo.
  • Uno speciale ringraziamento a Sylvain Borrie e alla sua squadra EPIsûr, per l'organizzazione dell'evento!

 

 
Photogallery del Petzl RopeTrip

 

 

Risultati

1- Hyperborea Evpator (Russia)
Evgenii Venskii - Anastasia Venskaya - Daniil Cherednichenko
 
2- Vertice Vertical (Spagna)
Jonatan Roblin - Miguel Costa - José Mellado
 
3- Aplomb (Francia)
De Carvalho Joël - De Carvalho Ruis - Mendes Albano

 

Petzl RopeTrip 2012

 

 

 

 

 

commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <hr> <br> <img> <object> <embed> <h1> <h2> <h3> <h4> <h5> <h6> <p> <span> <b> <i> <u>

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.