France

Xavier De Le Rue

Xavier De Le Rue - photo © Xavier De Le Rue
  • 1 Luglio 1979
  • Saint Lary (Pirenei francesi)
  • DUT (Diploma Universitario di Tecnologia) tecnico-commerciale
  • sportivo professionista
  • 2008

Ho la fortuna di poter vivere l'evoluzione del mio sport
«Per lungo tempo, ho avuto più successo per la mia pratica e i miei titoli nello snowboard cross, ma negli ultimi anni, ho la possibilità di dedicarmi alla mia passione di sempre, il free ride nello snowboard. Trascorro il mio tempo a viaggiare per vari filmati. Passo molto tempo anche sui circuiti di gara come il Freeride World Tour. Da quando ero molto piccolo, mi è sempre piaciuto fare lo spazzaneve a bordo pista. L’evoluzione è stata quindi naturale in quanto guidata dalla passione. È il mio modo di dare il massimo, approfittare della montagna, viaggiare, aprirmi la mente. È anche la mia professione. La mia vita è piuttosto bella. Sono fortunato e dovrei del resto ricordarmelo più spesso. Mi piace la neve farinosa, ma non amo le valanghe. È basilare come premessa, ma descrive bene la mia problematica. La cosa più difficile per me è saper giudicare la neve e le condizioni. Non è mai al 100 %. Occorre quindi essere prudenti e questo nonostante la grande euforia che a volte si prova. La neve è per definizione un materiale instabile, imprevedibile, inatteso. Qualche volta parte, non si sa perché. Qualche volta non parte, ugualmente non si sa perché. Le persone di Petzl mi considerano un grande specialista, un esperto di valanghe, ma la neve non sarà mai una scienza esatta. Parto sempre dal principio che la valanga sarà provocata, non che la valanga può essere provocata. Quel poco che ho imparato su questo argomento, è il risultato di molti anni di osservazione, discussioni con il personale di servizio delle piste, coloro che posano esplosivi ogni giorno, o parlando per ore e ore con le guide alpine di grande esperienza.»

Polivalenza
«Oltre a professione, lavoro, sessioni video o relazioni pubbliche, mi piace praticare con passione altre attività come l'arrampicata o l'alpinismo. Mi piace toccare la roccia, stare in montagna. È un momento esclusivamente per me, soltanto per divertimento, anche se poi questo mi dà tanto per lo snowboard. Mi piace il surf del mare, è un'attività sana, la più pura sensazione di scivolata sotto i piedi. Quanto alla bici da discesa per esempio, non c'è, a mio parere, attività più stupida e pericolosa, ma che bello essere stupidi. È un buon argomento per parlare della mia consapevolezza. Tutto dipende da come si pratica... Appunto, non premo mai i freni, non voglio rallentare, non voglio fare le cose a metà. Pertanto ciò mi richiede una severa gestione dell'attività. Per un rischio così grande, è meglio saper anticipare, essere in grande forma fisica e con una grande lucidità nella scelta del percorso e sapere realmente cosa vuol dire: improvvisare in situazioni di emergenza.»
 
 
Alaska
«Ho apprezzato per la prima volta quest'anno le qualità dell’Alaska. Sono diversi anni che vado in Alaska. Non mi ritrovo nelle basi di elicottero con tutto il loro stress, né nella «freddezza» delle persone. Ma quest'anno mi sono accampato per due settimane a 80 km dalle prime basi umane, lontano da tutto e alla fine ho scoperto l'interesse della neve in Alaska, vale a dire l'interesse dello «spin» e lì è il paese dello «spin». Vi lascio immaginare il seguito, abbiamo fatto il pieno... Per coloro che non mi seguono naturalmente, l'Alaska è nota per tutte queste aree costiere di free ride, che offrono enormi quantità di neve e non importa che tipo di neve. È una neve farinosa molto umida, che si attacca anche sui pendii più ripidi. Questo tipo di neve tende a formare questi famosi «spin» che sono una specie di scanalature tra le quali la neve scorre costantemente e che, messo da parte il lato ludico del free ride, offrono un segno evidente di stabilità, cosa abbastanza pratica e confortevole, dopo tempeste di neve con tre metri di accumulo e vento. Grossomodo tutto questo permette di crearsi delle condizioni che da noi non sarebbero nemmeno fattibili. Il fatto di aver trascorso del tempo lassù, lontano da tutta la confusione (le compagnie di elicotteri, i free riders che parlano delle loro sessioni, le persone che vengono a sperimentare l'Alaska prima di tornare a New York) mi ha fatto molto bene e mi ha finalmente fatto amare il posto. È chiaro che a piedi, dopo diverse notti in tenda ed essersi alzati alle due del mattino per arrivare in cima ai pendii, è difficile avere lo stesso risultato che in elicottero (in termini di azione, soprattutto quando siamo lontani da tutto, abbandonati a noi stessi livello soccorso), quando possiamo aumentare la potenza nel corso della giornata e realizzare gradualmente pendii sempre più impegnativi...»
 
 
Una nuova dimensione
«Ma c'è comunque questa dimensione di stress in meno che è ben apprezzabile. Dopo un pesante periodo di viaggi, differenze di fusi orari, è stato bello potermi ritrovare un po' solo nella mia tenda, dormire, pensare, senza computer, senza telefono… Fino ad oggi non sono stato un appassionato dell'Alaska, ma ora le cose sono diverse, è come se una nuova dimensione si fosse appena aperta: fermare l'elicottero e andare a perdersi lontano dall'industria del turismo.
Mi piace godermi la vita. Tutti questi sport sono un buon modo per godersela. La montagna è anche semplicità, che permette di prendere le distanze dalle superficialità della vita, semplicità che consente di ritrovare le basi fondamentali della vita con un buon distacco. Dopodiché, a ciascuno il suo destino... In ogni caso, è un perfetto ritorno sulla terra per le persone ipermediatizzate, sempre in movimento sui circuiti.»
 
 
Un certo modo di sciare o "surfare"
«Quando sono davanti ad una parete o in cima, l'ispirazione viene da sola. C'è sempre una via che si distingue, che mi attira e che sento. Viene dalle viscere. Tutto ciò che serve è un buon bagaglio tecnico, mantenere il sangue freddo e volerlo. Ci vuole un carattere un po' temperato «rock’n roll», una dose di saggezza, l'amore per il rischio e la montagna.»
 
 
L’esperienza rimane al servizio dell'immaginario
«L’esperienza è il mio valore aggiunto a tutto ciò che realizzo, almeno spero. Quando ho deciso una discesa e sono partito, non mi fermo, vado fino in fondo. La cosa principale è, credo, sapersi proiettare, saper rappresentare se stessi in azione, nell'attività. Il resto segue: un'analisi più accurata possibile, uno stato d'animo forte, giudizio, controllo e un equilibrio tra emozione e controllo cartesiano. Tutto questo è possibile solo se c'è a monte un enorme lavoro basato sul lungo termine, un lavoro consolidato gradualmente, di anno in anno. Infine, affinché una giornata sia veramente perfetta, un sorriso a volte può bastare.  Bisogna crederci...»
 
 
 
L’aneddoto di Xavier

picto plus Risultati importanti

Gare
- Partecipazione ai Giochi Olimpici Invernali di Torino nel 2006 e Vancouver nel 2010.
- Campione del mondo di free ride nel 2008, 2009, 2010.
- Campione del mondo di snowboard cross nel 2001, 2002, 2003, 2007.
- Eletto free rider dell'anno 2010 ai famosi Riders pôle Award (USA).

picto rss Altre informazioni

Film
- Relentless/lives of the artists 2009, 2010. www.relentlesenergy.com
- Standard films black winter 2009.
- Standard films the storming 2010.
 
 
Deeper TGR production
www.timelinemission.com
 
 
Sito WEB
- www.xavierdelerue.com
- timelinemissions.com
- facebook.com/timelinefilm
- facebook.com/xvdelerue