Switzerland

Ueli Steck

Ueli Steck profile - © photo coll. U.Steck
  • 4 Ottobre 1976
  • Ringgenberg (Svizzera)
  • falegname
  • alpinista professionista
  • 2007

Lo stato d'animo dell'arrampicata
«Sono cresciuto vicino alle montagne. Ho iniziato ad arrampicare a dodici anni. Poi da autodidatta ho scoperto le pareti, e questo ha rappresentato una sfida importante. L’alpinismo è una perfetta scuola di pensiero. Le regole sono semplici e molto chiare. Mi piace questo, è molto semplice da capire. Se non si porta un sacco a pelo abbastanza caldo, si sentirà freddo. Se non si è abbastanza forti, non si riuscirà a portare a termine la salita. Per me è importante condividere l'armonia dell'arrampicata. Mi piace stare con persone che fanno attenzione a come arrampicano. Sono importanti lo stile, l'atteggiamento, il modo in cui vengono realizzate le ascensioni.»

Una costruzione verso l'eccellenza
«Sono un climber polivalente. Mi piace la roccia ed anche il ghiaccio. Ma il mio obiettivo principale è quello di trovarmi a mio agio su montagne imponenti come per esempio in Himalaya e anche oltre, stare bene in qualsiasi ambiente mi trovi (dal più facile al più estremo).Mi piace la sfida con me stesso e la natura, ma non con gli altri climber. Il mio problema principale è trovare l'equilibrio tra il pericolo e la ricerca della difficoltà. Questo approccio sembra più un gioco, in quanto la riflessione è centrata sul come giudicare questo «mix» e non sul perché rischio la mia vita. Accetto di assumere un rischio elevato, ma con un maggior controllo di me stesso. Questa situazione di «controllo» in un ambiente non controllabile non è facile da gestire. A maggior ragione, nella mia visione dell'Himalaya, dove occorre essere rapidi, il più delle volte a vista e in passaggi sempre più difficili. Si tratta secondo me di una costruzione verso l'eccellenza. Poiché mi piace buttarmi a capofitto, sono felice di vivere in maniera più intensa. È forgiando che si diventa fabbro. Allo stesso modo un arrampicatore diventa himalayista passo dopo passo.Per poter pensare ai record di velocità in solitaria, devo fare progressi contemporaneamente nella tecnica su roccia e ghiaccio, e soprattutto nella resistenza. Mi alleno praticamente tutti i giorni vicino casa, nella corsa a piedi, o nell'escursionismo con gli sci, con 1600 m di dislivello ogni volta.»

 
 
Himalaya
«Mi piace molto il Nepal e l’Himalaya. Sono montagne vere. Mi piace stare in questi luoghi. Dobbiamo camminare diversi giorni per raggiungere il campo base. Non ci sono automobili. Se vogliamo raggiungere un luogo, o far visita a qualcuno, dobbiamo spostarci a piedi. Amo la cultura di questo paese. Le persone sono così positive, anche se la loro vita è davvero difficile. Infatti, in generale, mi piacciono le persone che hanno molto carattere. Le persone che scelgono la propria strada. Non quelle che seguono gli altri.»
 
 
Progredire ancora
«Ho bisogno di ricaricarmi regolarmente e trascorrere un po' di tempo a casa, solo per pochi momenti di calma e potermi concentrare su un sogno, ma sono abbastanza determinato. Se ho un'idea, mi butto. La mia principale fonte d'ispirazione è la mia sete di conoscenza. La conoscenza garantisce la libertà. Per avere questa conoscenza, è necessario imparare. Per essere libero, devi trovarti a tuo agio e per esserlo, occorre allenarsi spesso lavorando molto. Per acquisire una polivalenza di alto livello, è necessario capire a fondo l'attività, occorre essere appassionati e soprattutto bisogna accettare di ritrovarsi a volte allievi o principianti, per continuare ad imparare ancora. Questo nell'ambito di discipline complementari e diversificate anche se l'obiettivo è unico: avere successo.»
 
 
Il mio motto
«Tutto ciò che posso immaginare, può diventare possibile».
 

picto plus Risultati importanti

Alpinismo
- Versante Ovest del Pumori (Nepal) (7161 m) con Ueli Bühler, 2001.
- Monte Dickey (Alaska) 2001.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) «The Young Spider» con Stephan Siegrist, 2001.
- Versante Nord del Jannu (Nepal) due tentativi nel 2003.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) «La Vida es Silbar» arrampicata libera con Stephan Siegrist, 2003.
- Versante Nord dell’Eiger, del Mönch e di Jungfrau (Svizzera) concatenamento in meno di 25 h, 2004.
- Wendenstöcke (Svizzera) «Silberfinger» e «Pilier Excalibur» in solitaria, 2004.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) in solitaria e d'inverno, 2004.
- Versante Nord del Cholatse (Nepal) (1500 m / 6440 m) prima ascensione in solitaria in 37 h, 2005.
- Versante Est del Tawoche (Nepal) (6505 m) prima ascensione in solitaria, 2005.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) «The Young Spider» seconda ascensione e prima in solitaria, 2006.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) «Via Diretissima» 2006.
- Picco Est del Gasherbrum II (Pakistan) «Magic Line» (7710 m) 2006.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) «Heckmair» in solitaria in 3h 54 mn, 2007.
- Versante ovest del Pumori (Nepal) (7161 m) in solitaria in 24 h andata/ritorno, 2007.
- Versante Nord dell’Eiger (Svizzera) record di velocità in solitaria in 2 h 47 mn 33 s, il 13 febbraio 2008.
- Versante Nord del Tengkampoche (valle del Khumbu, Nepal) «Checkmate» (2000 m / altitudine 6500 m / VI/85, ghiaccio M7+ / 6A0) aprile 2008. Ueli Steck e il suo compagno di cordata Simon Anthamatten si aggiudicano per questa prima salita, la Piolet d’Or 2009.
- Grandes Jorasses (Massiccio del Monte Bianco) «Colton Macintyre» (record di velocità 2 h 21 min) 2009.
- Versante Nord del Cervino (Italia) (record di velocità 1 h 56 min) 2009.
- Yosemite (USA) «Golden Gate», «California Sun» 2009.
- Gasherbrum II (Pakistan) (8035 m) 2010.
- Makalu (Nepal) (8485 m) 2010.

picto rss Altre informazioni

Pubblicazioni
- National Geografic: Solo, Ueli Steck, 2005.
- National Geografic: Speed, Ueli Steck, settembre 2010.
 
 
Livre
- «Der Alleingünger», Ueli Steck: Gabriella Baumann von Arx, editore Wörteseh, edizione tedesca, 2006.
 
 
Sito WEB
http://www.uelisteck.ch

picto photo Photos

picto video Videos

This video is part of the ReelRockTour - video courtesy of Mountain Hardware
 
 

Video playlist featuring Ueli Steck
Watch Ueli sending "the Secret" (X, 10) during the Scottish Ice Trip in Ben Nevis

 

Ueli Steck sends "The Secret" (X, 10) onsight - photo © Tony Lamiche