Una delle edizioni più entusiasmanti del Petzl RocTrip termina nelle prime ore della giornata di domenica, 30 ottobre. Nei giorni precedenti è stato dimostrato quanto di meglio si può fare in termini di arrampicata sportiva, feste e spettacoli.

Ieri nel Grande Arco, sotto gli occhi stupiti di centinaia di spettatori, Dani "La Machina" Andrada concatena il suo progetto "Corazon de Ensueno". Sceglie, per questa realizzazione, un assicuratore preparato: Chris Sharma.

 

Siamo riusciti a raccogliere una piccola intervista di Dani. 

Q: quanto tempo hai dedicato per attrezzare questo mostruoso progetto di 8 tiri che attraversa il Grande Arco?

R: In tutto ci sono volute undici giornate di duro lavoro, solo per l'essenziale, utilizzando tecniche di progressione in artificiale. Sul passaggio chiave mi sono fatto aiutare da Yann Gesquier che mi assicurava.

Q: Quanti giorni sono stati necessari per riuscire a concatenarla?

R: Ho lavorato i movimenti della via per tre giorni tentando le lunghezze separatamente. Dopo una bella giornata di riposo, mi sono lanciato per concatenarla.

Q: Quali sono le tue impressioni?

R: Questa via è senza dubbio la mia più bella creazione. E' lunga, dura e veramente unica. Dopo quattro tiri, ti ritrovi sul tetto del Grande Arco. Di qui parti per una sezione di 8b+ interamente in discesa!!!! E' disumana!

 

Q: Quali sono le difficoltà?

R: L1: 8a+, L2: 8b, L3: 7c+, L4: 7a, L5: 8b+, L6: 8c, L7: 7c+ /8a, L8: 8a+

 

Questo viaggio per Dani è stato il terzo in quanto ha partecipato agli altri due viaggi per attrezzare le vie. In dieci anni Dani è stato presente a quasi tutti i RocTrip. A suo avviso, quello di Getu è stato unico per il mix di influenze asiatiche e occidentali. Ha apprezzato particolarmente questa edizione perchè non c'erano vie decise in anticipo ma ognuno poteva scegliere secondo i propri gusti. 

 

 
 

Tutta la giornata di sabato è stata dedicata alla dimostrazione da parte degli atleti del team Petzl, che hanno scalato per il piacere di tutti.

"Lost in translation" è stata ripetuta da diverse cordate: Sean Villanueva e Ethan "Spiderman" Pringle; Mayan Smith Gobat con Lynn Hill e per finire Steve McClure e Cody Roth. Dall'altro lato del Grande Arco "Brazilian Fuse" riceve la visita di Nina Caprez e Stéphanie Bodet, Florence Pinet e Mélissa Le Nevé, Daniel Dulac sale "a vista" accompagnato da Mumin Karabas (Team Petzl Turchia).

 

 
 

Intanto numerosi arrampicatori si spargono su tutti i tiri disponibili.

 

 

 

Arriva la notte e tutti gli scalatori si radunano nella piazza del villaggio per cenare e per la festa. Tutti, tranne qualche ritardatario che perde l'ultimo battello... raggiungeranno il villaggio solo più tardi. Uno spettacolo di canti e musiche locali viene seguito a sorpresa da un matrimonio di una coppia di scalatori, celebrato da Lynn Hill!

 

Nella folla, il team Petzl si raduna per un saluto a Erwan Lelann, organizzatore del viaggio. Subito dopo, il controllo sonoro della serata viene preso dai Sagagnass Sound System (Said Belhaj, Kyom, Lafouche, Petitou) con una vesta nuova grazie alla presenza di Sean Villanueva al flauto, Wan le MC, e "Rocker" alla chitarra. In questo momento il pubblico presente a Getu si conta in migliaia di persone. Più tardi Dave Graham in persona prende la situazione in mano con un mix casalingo, accompagnato da Vlad allo scratch.

Quando la calma torna nella valle, numerosi scalatori prolungano il loro soggiorno oltre il RocTrip per continuare a scalare e visitare la zona.
 
Petzl ringrazia come sempre tutti i partecipanti, i volontari, i chiodatori oltre a tutti i locali che hannno aiutato a far sì che la manifestazione prendesse vita. Ringrazia inoltre in modo particolare i co-sponsors Ozark e La Sportiva. Grazie!!

 

 

Scoprite le altre news dell'evento :

 
 
 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
  

 

commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <hr> <br> <img> <object> <embed> <h1> <h2> <h3> <h4> <h5> <h6> <p> <span> <b> <i> <u>

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.