Il 4 maggio 2011, i giovani esploratori, insieme alla squadra di Mike Horn, sono stati lasciati nel luogo di partenza per andare verso il Polo Nord. Durante i primi giorni il meteo è stato clemente ed ha permesso di scoprire e godersi il luogo in cui si sono «immersi» per quindici giorni.


I giovani esploratori hanno percorso ogni giorno, in media, 15-20 chilometri. Hanno camminano e trainato le loro slitte sul ghiaccio, attraversando gli enormi blocchi che formano questo mare di ghiaccio. Lo stupore è stato tanto più grande quanto più guardavano in lontananza... orsi polari e foche all'orizzonte.

La principale difficoltà è stata quella di orientarsi in questo deserto artico gigantesco. Tutti hanno avuto la sensazione di un "ritorno alla natura"…

 

Un riscaldamento climatico ben visibile…

Le temperature eccezionalmente calde per la stagione hanno permesso ai giovani esploratori di prendere coscienza, in tempo reale, del riscaldamento climatico e dell'impatto sull'ambiente. Lo sciglimento del ghiaccio era ben visibile e così tutti hanno potuto toccare con mano il fenomeno e le sue conseguenze. Lo spessore del ghiaccio, che dovrebbe essere di 5 metri, era in alcune zone di soli 30 centimetri!



 

Ritorno a Resolute Bay per una parte della squadra



Di fronte ad una esposizione solare importante, uno dei giovani esploratori ha riportato qualche problema alla vista ed è dovuto tornare a Resolute Bay per un trattamento (non ci sono state conseguenze). Per solidarietà, una parte della squadra ha rinunciato all'obiettivo di raggiungere il Polo Nord per accompagnarlo e sostenerlo.
Questa è stata l'occasione per creare legami stretti con la comunità di questa città e per migliorare le conoscenze sugli Inuits, sulle loro tradizioni e abitidini di vita. Hanno imparato a costrire gli igloo, i metodi di caccia ed hanno preso lezioni di lingua inuit.
Bei momenti di condivisione di esperienze…



Intanto l'altra parte del gruppo ha continuato in direzione Polo Nord con un programma ancora più esplorativo!
I due gruppi si sono ritrovati al termine della spedizione, il 18 maggio. Tutti si stanno già preparando per tornare a casa e raccontare questa esperienza fuori dal comune.

La prossima spedizione prenderà il via nel mese di agosto in Canada.

 

Video "Best Of" dell'esperienza "Magnetic North Pole"

 

 

 

 



Per maggiori informazioni

- Il sito di Spedizioni Pangaea

- La news di presentazione dell'esperienza
- La rubrica Petzl sull'esperienza con Mike Horn