La montagna rimane la regina e non sempre decide ciò che ci piace. Vento forte, tempesta, pioggia, neve, nebbia e freddo hanno accompagnato l'edizione 2010 di The North face Ultra Trail du Mont Blanc che si è svolta dal 27 al 29 agosto.



 

Come alpinisti che tornano sul loro cammino di fronte alla tempesta, quando il pericolo prende il sopravvento sul piacere di stare in montagna, tutti i corridori di questa lunga e difficile corsa sono stati messi di fronte all'evidenza. Quando la sicurezza di migliaia di atleti viene messa in gioco, gli organizzatori devono far fronte a decisioni difficili da prendere: non permettere ai partecipanti di prendere dei rischi.

Così, la gara Courmayeur - Champex - Chamonix è stata fermata a Trient, nella notte di venerdì, lasciando solo i primi 444 corridori finire il percorso in condizioni già difficili.

La gara Tour des Ducs de Savoie è stata semplicemente annullata.

La gara principale Ultra Trail du Mont Blanc è stata fermata dopo 30 Km di corsa. Per i corridori è stato un momento terribile, visto l'investimento necessario per partecipare a questa prova. Dopo mesi di allenamento, lunghi viaggi e molti sacrifici, non è facile accettare questa decisione che spezza nettamente «la corsa della loro vita».


Un miglioramento meteo nella notte ha permesso all'organizzazione di riprendere la gara da Courmayeur domenica mattina, 1300 persone sono partite per la seconda parte del percorso a titolo di consolazione.


 

Dopo questa edizione, Petzl non può che augurare un grande cielo azzurro e notti limpide per l'anno prossimo.



 



L’équipe Petzl era presente sul posto durante tutto il week-end:

 

Sito dell'UTMB