Speleologia: Gouffre Berger, il team sulle orme di Fernand Petzl

Dal 1° al 6 agosto 2011, gli arrampicatori e gli alpinisti del team team Petzl sono partiti alla scoperta della speleologia nel Gouffre Berger, fino a - 1100m. François Lombard, atleta del team Petzl e organizzatore della spedizione, ci racconta l'esperienza:
 
"La Speleologia in casa Petzl è una lunga storia... Negli anni '50 Fernand Petzl partecipa in modo attivo all'apertura di numerose cavità nel Vercors, inventando e fabbricando il materiale ad immagine e misura delle sue incredibili scoperte. Nel 1955 partecipa all'impresa della squadra che raggiunge per la prima volta il limite dei -1000m nella Gouffre Berger.

Per tornare sulle sue tracce, Phil Bence, speleologo molto attivo del team Petzl, accompagnato da Florence Guillot e Guillaume Capgras in collaborazione con il club SSAPO Ariège, ci propone di organizzare un "raduno del team Petzl al Gouffre Berger".
L'obiettivo è quello di seguire le tracce di Fernand, cinquant'anni più tardi. Abbiamo quindi formato il "dream team", composto da Tony Lamiche, Charlotte Durif, Marion Poitevin, Jérome Meyer, Mélissa Le Nevé, Mickaël Fuselier, Nina Caprez, Daniel Dulac, oltre che da Guillaume Broust, Bruno Fromento e Serge Caillault per le foto e le riprese. Per alcuni è stata la scoperta di una nuova attività, per altri il modo di andare più in profondità.

Dal 1° al 6 agosto, il campo base è stato posizionato a Lans in Vercors. Dopo una giornata di aggiustamenti tecnici, è stata orgnaizzata una prima uscita a -500m, con il duplice obiettivo di assicurarsi che tutti fossero a proprio agio sotto terra e di fare delle belle riprese.
Raggiunta questa prima tappa, non restava che tentare l'esplorazione integrale fino a -1122m.

Giovedì 4 agosto alle 13.00 iniziamo a scendere e avanziamo velocemente nella prima parte già percorsa. A -600m raggiungiamo Cédric Lachat ed il suo compagno Vincent Franzi partiti per esplorare nuove gallerie e venuti per darci una mano. Alle 21.00, raggiungiamo il sifone a quota -1122m. Stappiamo una bottiglia di Mouton-Cadet 2008 per festeggiare l'evento (grazie a Daniel Dulac)! A questo punto inizia la lunga risalita. Raggiungiamo la superficie circa 20 ore dopo.

Quello che resterà di questa bella avventura, oltre ai paesaggi e le sensazioni incredibili, è l'emozione di camminare sui passi dei primi esploratori nonchè la bellezza di un'esperienza collettiva: la condivisione di esperienze tra le diverse discipline e lo scambio sull'etica e le motivazioni."

 
 
 
François Lombard

 

 

Immagini della spedizione

 
 

Testimonianze

Nina Caprez
"Il mondo sotto terra: uno strano scherzo, strano e allo stesso tempo così bello. Ho scoperto la speleologia da due anni e sono stata contentissima di buttarmi in quest'avventura con i miei amici di Petzl! Abbiamo condiviso un'esperienza straordinaria... Abbiamo riso e sofferto ma soprattutto siamo stati uniti, ed è quello che più conta nella vita."

 
 
  

 
Jérome Meyer
"E' stata una vera esperienza di speleologia: le bellezze mozzafiato del mondo sotterraneo, le battaglie con la corda e il sacco da recupero, le questioni di sicurezza a -1000 metri e l'emozione di uscire alla luce alle 7 del mattino dopo 18 ore di impegno sotterraneo. Domani ci saranno solo più ricordi, ma saranno particolarmete vivi e positivi. Un gruppo di amici e una buona atmosfera ... è tutto!"

 
 

 

Marion Poitevin
"La speleologia ha veramente toccato il fondo... Grazie a tutti, è stata una bella avventura nel buio. Grazie soprattutto agli appassionati (Flo, Phil, Guillaume, Serge, Bruno....) che hanno avuto la pazienza di accompagnarci. Ce l'abbiamo fatta! E' stata un'occasione per conoscere nuove persone e un nuovo sport."

 

 
 

 
Mickael Fuselier
"Mi è piaciuta molto quest'avventura sotto terra. L'ambiente era veramente unico. Spero che questo gruppo si riunisca nuovamente per altri progetti come questo."

 
 
 
 
 
 
 

Tony Lamiche
"Il mio fisico si ricorderà a lungo di quest'avventura! Ed il mio cuore altrettanto... Grazie ancora per la bella esperienza comune. Un'iniziativa ottimista che offre buone idee per un match di ritorno..."

 

 
 
 
 
 

Melissa Le Nevé
"Una bella scoperta per me, questa Gouffre Berger. Avevo già fatto un'uscita sotto terra ma non così profonda! Questa cavità è stata per me:
- una squadra super, sempre pronta a ridare il buon umore a tutti nei momenti più difficili,
- forme e luoghi incredibilmente belli,
- la lotta contro la fatica,
- bellissime pause con pane, cioccolato e vino!

17 ore, -1123 metri, per fortuna il tempo passa in fretta sotto terra! Ci vorrà una bella giornata di riposo per riprendermi ma rimarranno ricordi stupendi! Sono molto contenta di aver potuto scoprire un'attività ed un luogo nuovo, e sono pronta a riprovare!"

 

 

 

Video in preparazione

Il filmato sarà presentato agli Incontri di cinema e di montagna di Grenoble martedì 15 novembre al Summum, e a seguire sul sito Petzl. Sarà l'occasione per vivere nuovamente quest'avventura e riscoprire i paesaggi del mondo sotterraneo.

 

 

Rispondi

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <hr> <br> <img> <object> <embed> <h1> <h2> <h3> <h4> <h5> <h6> <p> <span> <b> <i> <u>

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.