Damian Benegas, il famoso alpinista argentino, ha scalato alcune tra le più alte vette del mondo, in Himalaya, Sud America e Africa. Insieme a suo fratello gemello Willie, hanno compiuto numerose salite tecniche. Forse è meno noto che Damian, 20 anni fa con il suo compagno di arrampicata Pablo de la Fuente, è stato il primo a salire sulla vetta di Piedra Parada, alta 200 metri, aprendo la via "Sueno Lento". Durante il RocTrip abbiamo avuto l'opportunità di parlare con lui della sua storica salita, dell'arrampicata nella zona e del Petzl RocTrip. 

Damian Benegas, with the Piedra Parada in the background, almost 20 years after his first ascent of the tower. credit: Eric Wynn

Che cosa ti ha portato a Piedra Parada nel 1993?

L'esplorazione. Dove sono cresciuto non ci sono montagne, quella più vicina dista circa 120km. Così ho sempre dovuto esplorare, girare in macchina, parlare con la gente per andare alla scoperta di nuove montagne. Il padre di un mio amico faceva il pilota e ogni volta che viaggiava verso Esquel mi descriveva sempre con grande entusiasmo l'ombra di Piedra Parada. Nel 1990 mi sono trasferito negli Stati Uniti per scalare i grandi muri dello Yosemite. Nel 1993 sono tornato a casa e ho esplorato la zona.

'Sueno Lento', goes up the middle of the south east face of the Piedra Parada (route 10)

Com'era questo luogo la prima volta che l'hai visto?

 

Qui c'era Mario, il proprietario, un uomo semplice che all'epoca aveva circa 400 pecore. Tutto attorno, il nulla. Rispetto a oggi questo posto era molto più verde e il fiume era più grande. Molti climber avevano provato la salita di Piedra Parada bloccandosi sempre nello stesso punto, in cui non c'è protezione e la qualità della roccia non è eccellente. A quell'epoca ero molto allenato, ed ero intenzionato a provarci anch'io.

Nel 1999 solo il deserto e nessun climber. Io e Martine Molina partimmo da Mendoza guidando per circa 1800 km per arrivare qui. Per 15 anni ogni volta che vedevo qualcuno in zona pensavo "Wow, c'è un altro climber qui". 
Invece, negli ultimi cinque anni sempre più gente si spinge fino a qui e adesso mi sembra incredibile vedere insieme più di 1000 persone riunite per il RocTrip.

 

 

Come descriveresti l'arrampicata a Piedra Parada?

 

Avventura. Più che un climber sportivo, mi considero un climber tradizionale. La roccia non è eccellente e ci sono poche protezioni qui. Ma mi piace arrampicare su questo tipo di terreno, una roccia vulcanica. Dalla prima volta in cui sono venuto qui nel 1993, vista la quantità di possibili vie, ho sempre pensato che questa sarebbe potuta diventare una meta internazionale.

Poco fa stavo camminando nel canyon Buitrera e sembrava di essere in una falesia negli Stati Uniti. Ci sono gruppi di persone ovunque ed è incredibile che stia succedendo proprio qui. Questa non è né Bariloche, né Cordova, né una falesia statunitense. Siamo in mezzo al nulla in Patagonia, e in qualche modo, grazie all'aiuto di molta gente, è stata creata una meta per i climber.
 

 

Pensi che l'evento del Petzl RocTrip possa aiutare a sviluppare di più questa zona?


Dico sempre che il miglior modo di prendersi cura di un posto è quello di frequentarlo. Quando ho sentito che Petzl stava cercando di organizzare qui il RocTrip, mi sono esaltato! Soprattutto perché ho visto questo posto crescere dal nulla. Per dieci anni non c'è stato nessuno e, improvvisamente, ecco il Petzl RocTrip. Una delle cose che mi piace di questi eventi è lo spirito, la gente viene qui ma e non è una gara. Si tratta di un raduno di climber forti ed è il modo migliore per sviluppare un'area. Da quello che ho sentito hanno chiodato circa 200 nuove vie. Le linee che ho osservato e immaginato per anni sono state aperte e salite. Questo è fantastico.

La PETZL poteva scegliere qualsiasi posto per questo evento, Brasile, Venezuela, Perù e invece ha scelto di venire qui.

 

Che cosa significa il RocTrip per il futuro di quest'area e per l'arrampicata in Argentina?

L'arrampicata in Argentina non è uno sport, ma mediamente è considerata un'attività pazza e pericolosa. Per anni, la popolazione locale non ha utilizzato questa risorsa naturale. Quando ho iniziato ad arrampicare, c'erano due alpinisti nella mia città, io e mio fratello. Oggi ne ho incontrati 20; questo sport è in crescita!

Ho saputo che per il RocTrip sono arrivate persone da 43 paesi diversi. Ma brasiliani, peruviani, boliviani e cileni cominceranno a venire qui sempre più spesso, grazie a questo evento che ha puntato i riflettori su Piedra Parada.

Oggi il governo sta promuovendo questo tipo di attività rompendo con le decisioni del passato, quando l'attività era considerata troppo rischiosa. Questo è molto positivo.

 

Qui il settore dell'allevamento ovino è morto molto tempo fa. Ci sono un sacco di persone che vivono nella zona e hanno bisogno di un lavoro. Non hanno mai pensato che lo sviluppo del turismo sarebbe potuto essere importante. Cercano qualcosa di veloce e facile, come l'estrazione di risorse naturali, che però non è sostenibile. Per sviluppare il turismo penso che sia importante promuovere anche altre tipologie di attività sportive oltre all'arrampicata, come trekking, escursioni, kayak, ecc...

 

The Piedra Parada in the setting sun. credit: Guillaume Vallot

 

 

Il tramonto su Piedra Parada. credit: Guillaume Vallot

 

Ultima domanda: che cosa si prova ad aver salito per primo Piedra Parada?

Era inverno e la zona era innevata. Eravamo appena arrivati in cima mentre Mario stava lavando la sua macchina vicino al fiume. Dall'alto iniziammo a gridargli "Hey hey!". Prima di scorgerci si guardò intorno senza riuscire a capire da dove provenissero quelle voci, perché nessuno ci aveva visto salire. Ma dopo poco saltò in groppa al suo cavallo e corse verso la base della Piedra Parada, dove nel frattempo molta gente si era raggruppata. E mi ricordo che ci chiese se in cima avessimo trovato una delle sue pecore!

A quei tempi, eravamo come i pionieri degli anni sessanta che salivano sulle desert towers. Mi sentivo così perché l'impresa era davvero intraprendente ed eravamo in mezzo al nulla. Sulla cima di Piedra Parada il panorama è incredibile.

+Maggiori informazioni:

Per maggiori informazioni su Damian e la sua scalata, visita il suo sito web.

Kommentare

Kommentar hinzufügen

Der Inhalt dieses Feldes wird nicht öffentlich zugänglich angezeigt.
  • Internet- und E-Mail-Adressen werden automatisch umgewandelt.
  • Zulässige HTML-Tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <hr> <br> <img> <object> <embed> <h1> <h2> <h3> <h4> <h5> <h6> <p> <span> <b> <i> <u>

Weitere Informationen über Formatierungsoptionen